L’aeroporto internazionale di Dubai

0
479
aeroporto internazionale dubai

Dubai si trova negli Emirati arabi uniti e gode di un aeroporto che, in un solo mese, registra il passaggio di quasi 8 milioni di passeggeri. Dati che sono in costante aumento e che lo rendono il più frequentato del pianeta per traffico di passeggeri internazionali e il terzo per traffico totale. Nonostante sia così grande, si trova solo a cinque chilometri dalla città di Dubai, nella parte nord.

La storia

Si è iniziato a costruire l’aeroporto di Dubai nel 1959, per volere dello sceicco di Dubai, ed è stato aperto l’anno successivo. Negli anni ’80 cominciò ad assumere un’importanza sempre maggiore e a divenire scalo per i viaggi dall’oriente all’Europa grazie al costo più basso dei rifornimenti di carburante. Oggi la struttura vanta tre terminal e occupa la superficie più ampia al mondo.

Come arrivare all’aeroporto

Essendo così vicino al centro della città, è davvero comodo arrivare all’aeroporto di Dubai o, viceversa, raggiungere il centro città: basterà prendere la metropolitana. E’ possibile arrivarci anche in autobus, in taxi o con le auto a noleggio. Il quartiere più vicino è quello di Deira, ma le altre zone di Dubai – sia pur più lontane – sono ben collegate e raggiungibili con facilità grazie alle ottime infrastrutture.

Aereo in ritardo? No problem

All’aeroporto di Dubai non è una noia un volo cancellato o in ritardo: lì, infatti, non si dorme mai; i negozi sono aperti 24h su 24 e anche mangiare o bere sarà sempre possibile. Ma ci sono anche alternative divertenti o funzionali:

  • potrete rilassarvi nelle lounge a disposizione per le Business o le First class, ma anche nella lounge “Marhaba” (a pagamento giornaliero) per le Economy
  • potrete farvi una doccia calda presso postazioni gratuite e pulitissime
  • potrete concedervi servizi come massaggi, pedicure o manicure (decisamente economici considerando che siamo a Dubai: 15’ di massaggi hanno un costo di soli 20 dollari circa)
  • potrete fare un pisolino o navigare su internet (30’ di connessione sono gratuiti) su comode chaise-longue.

L’importante è non dimenticare una felpa o una coperta, considerando l’aria condizionata accesa costantemente!

Un aeroporto all’avanguardia

L’aeroporto di Dubai non solo è il più trafficato, ma è anche uno dei più all’avanguardia: nel suo immediato futuro si baserà su protocolli di sicurezza a dir poco avveniristici. Un esempio? E’ stato sperimentato un sistema, che si basa sul riconoscimento facciale a distanza e che identificherà i passeggeri mentre attraversano un acquario virtuale.

Aeroporto e autorità hanno lavorato di concerto per un anno e quattro mesi per elaborare il progetto e per installare 80 telecamere dentro un tunnel formato da pannelli a LED.
I passeggeri praticamente non si accorgeranno di nulla: passeggeranno semplicemente all’interno del tunnel nel quale saranno proiettati variopinti e innumerevoli pesci ad alta definizione.

I sensori delle telecamere, intanto, scansioneranno il viso e gli occhi dei viaggiatori da diverse angolazioni e li trasmetteranno a un sistema che confronterà i dati con documenti e foto già presenti nel sistema e con informazioni già in possesso delle autorità.

I passeggeri, la cui verifica sarà positiva, potranno dirigersi verso l’imbarco senza esibire il passaporto e i documenti di viaggio, mentre in caso contrario gli addetti alla sicurezza effettueranno ulteriori controlli. La scelta dell’acquario è stata dettata dal fatto che i viaggiatori sono così più portati a seguire con gli occhi il movimento dei pesci facilitando i sensori a rilevare i volti e le iridi.

La prima galleria-acquario verrà aperta il prossimo settembre 2018 solo per alcuni clienti della compagnia Emirates; entro il 2020 i tunnel aumenteranno e verranno aperti anche a passeggeri di altre compagnie.

Attenzione

E infine un avvertimento per chi ha in mente di viaggiare verso gli Emirati arabi nel 2019: l’aeroporto di Dubai, infatti, dal 16 aprile al 30 maggio 2019 concederà il permesso di atterraggio a meno della metà dei voli che usano normalmente lo scalo. E ciò sarà dovuto alla necessità di aumentare il livello di capienza dell’aeroporto, di migliorare la sicurezza e i servizi e di cambiare le luci a terra.
Quindi attenzione…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here